Benvenuto utente, login o registrazione.

IL MITO DEL PULLOVER BLU

  • Il semplicissimo pullover blu girocollo già negli anni 68 veniva indossato in contrapposizione agli abiti tradizionali da molti intellettuali affermando in questo modo il loro distacco dalle regole correnti.
    In verità da sempre i comportamenti liberi e non allineati sono considerati espressione di indipendenza, creatività e intelligenza.
    Forse proprio anche per questi motivi abbiamo anche oggi molti testimoni del "pullover blu", dai politici ai manager aziendali che ne fanno la propria tuta da fabbrica, il proprio saio indossato con estrema disinvoltura e studiata impertinenza.
    Una voluta inferiorità per imporre al contrario una calcolata superiorità, la grande finzione di essere uno qualunque per risaltare invece il suo essere speciale, unico.
    Tutto questo avviene ovviamente quando l’etichetta imporrebbe l’abbigliamento adeguato alla situazione, non certo quando si dispone di tempo libero e si è al di fuori di certe circostanze, stiamo parlando di quelle occasioni che ci farebbero passare per un passante capitato lì per caso trascinato all’evento che richiederebbe assolutamente giacca e cravatta.

    IL MITO DEL PULLOVER BLU

    Data pubblicazione: 15-03-2020

    Categoria:






Torna su
Sfondo 4